Viaggio Straordinario - Riverstudio

Viaggio Straordinario

Lungometraggio di Finzione (Italy, Greece, Germany), 81’

Sottotiolo La verità non può restare chiusa in un armadio

tagline la vita è quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla – Gabriel Garcia Marquez

Logline Francesco, indagando nei documenti del padre e nei fascicoli dell’Armadio della Vergogna, dopo cinquant’anni torna nell’isola di Cos, dove è nato, ed è costretto a fare i conti con la verità.

Sinossi
Francesco è un uomo di cinquant’anni che vive a Napoli in un appartamento tenuto in ordine maniacale. Ha appena trovato alcune foto e appunti appartenenti a suo padre, recentemente scomparso. I diari erano di quando suo padre viveva a Kos, nelle isole del Dodecaneso.
Alla radio apprende la notizia del ritrovamento, negli scantinati dell’ufficio del procuratore militare, di un armadio con le ante rivolte verso il muro. Qualcuno ha trovato all’interno più file di crimini di guerra commessi sull’isola di Kos.
Durante la guerra Vittorio si reca a Kos per insegnare. Carmine, un giovane soldato italiano, è il primo ad assisterlo. Durante il suo soggiorno incontra Isola, una giovane donna italo-greca. Scopre di essere incinta e vuole liberarsi sia di lui che di suo figlio. Isola preferisce divertirsi con i tedeschi benestanti appena sbarcati e ora padroni della notte. Vittorio riesce a convincerla, Isola dà alla luce Francesco, ma è costretto a tornare in Italia con il figlio. Torna a Napoli. Dai file lasciati dal padre, Francesco scopre che sua madre potrebbe essere ancora viva. Così, cinquant’anni dopo, Francesco decide di tornare a Kos, via mare, come aveva fatto in passato suo padre.

Regia di Maurizio Fiume

Scritto da Flora Fiume, Maurizio Fiume

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITIT
en_GBEN it_ITIT